Strumenti personali
Sezioni
Tu sei qui: Home Comunichiamo Comunicati Stampa Presentazione "Gli Etruschi a Cerveteri"

Presentazione "Gli Etruschi a Cerveteri"

 

Gli etruschi a Cerveteri, presentazione della nuova guida alla Necropoli etrusca curata da Ennio Tirabassi

L’Amministrazione comunale e Segreto Gioielli invitano la cittadinanza domenica 17 in Sala Ruspoli: archeologia, oreficeria e musica classica, con la collaborazione delle associazioni di Cerveteri

 

Sarà presentata in anteprima, domenica 17 febbraio alle ore 17:30 presso Sala Ruspoli in Piazza Santa Maria a Cerveteri la nuova guida “Gli Etruschi a Cerveteri”, un percorso cronologico attraverso la Necropoli della Banditaccia. “Siamo onorati – ha detto il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – di ospitare un’iniziativa di alto spessore. Il M° Ennio Tirabassi, nostro concittadino, è un esperto di altissima fama a cui si devono importanti scoperte sulla storia, la società e i costumi degli Etruschi. Con la sua nuova opera ci propone di scoprire l’evoluzione della società etrusca attraverso le tombe della nostra Necropoli, evidenziando scoperte e ipotesi ancora inedite”.

L’iniziativa è promossa da Segreto Gioielli in collaborazione con le associazioni Donne tra le note, Il Cerchio etrusco, Giavanna D’Arco, Tracciati d’arte, Un’Orchidea nel deserto, il Centro Commerciale Naturale del centro storico di Cerveteri, e patrocinata dall’Amministrazione Comunale.

“L’evento sarà arricchito dalla conferenza di Carmelo Segreto – ha illustrato Lorenzo Croci, assessore allo Sviluppo Sostenibile del Comune di Cerveteri – che proporrà una suggestiva scoperta dell’arte artigiana orafa come la realizzazione di vere e proprie sculture in cui vengono sintetizzati, nel processo creativo, i valori affettivi e le emozioni del committente. Chiuderà il pomeriggio il concerto per voce e pianoforte del soprano Anna De Santis e del M° Giacomo Bellucci. Sarà proposto un repertorio che, sempre nel tentativo di suggerire l’idea del viaggio, spazierà dalle opere del ‘500 fino alle canzoni classiche dei primissimi anni del ‘900. Sono convinto che lo spirito che anima questo evento, cioè la valorizzazione delle alte proposte artistiche nella nostra Città, potrà suggerire nuove collaborazioni ed iniziative aperte al tessuto associativo del territorio”.

Azioni sul documento