Strumenti personali
Sezioni
Tu sei qui: Home Comunichiamo Comunicati Stampa Parte a Cerveteri il progetto Borse Sociali

Parte a Cerveteri il progetto Borse Sociali

 

Parte a Cerveteri il progetto Borse Sociali
L'Assessore Francesca Cennerilli: insieme a Multiservizi e Assovoce possiamo dare più risposte

È partito a Cerveteri il progetto Borse Sociali. “Anche quest’anno siamo riusciti a potenziare questo progetto importantissimo – ha spiegato Francesca Cennerilli – Assessore alle Politiche alla Persona del Comune di Cerveteri – uno dei punti di eccellenza della nostra azione nell’ambito dei servizi sociali comunali. Già lo scorso anno, realizzando direttamente a livello comunale il progetto, e grazie alla convenzione siglata con la Multiservizi Caerite e con l’Assovoce, avevamo introdotto novità importanti ed eravamo riusciti ad aumentare sensibilmente l'entità dei compensi dati ai destinatari del progetto. Quest’anno, grazie alle maggiori risorse destinate dall’Amministrazione comunale ai capitoli del sociale, abbiamo quasi raddoppiato il numero dei destinatari. Saranno perciò 20 le Borse Sociali attivate per l’anno 2014, affidate a persone appartenenti a categorie svantaggiate e provenienti da situazioni di disabilità o povertà”.

“La definizione Borsa Sociale – ha proseguito l’Assessore Cennerilli – è un’espressione che indica una particolare forma di tirocinio protetto e integrato ad attività di sostegno e inclusione sociale. Un’opportunità di inserimento data a persone con oggettive difficoltà di accesso al mondo del lavoro. Oltre alle collaborazioni attivate presso gli Uffici Comunali, altri utenti saranno di supporto presso la Multiservizi Caerite e altri presso l’associazione di primo soccorso As.So.Vo.Ce”.

Le attività risocializzanti hanno una durata che va dai 3 ai 12 mesi e prevedono un piccolo contributo economico per l’utente. Anche il Presidente della Multiservizi Caerite, Alessandro Gazzella, ha commentato l’avvio del nuovo progetto. “Siamo molto soddisfatti del proseguimento di questa positiva esperienza. Il nostro obiettivo è quello di valorizzare le capacità di persone che, purtroppo, spesso restano escluse dal contesto lavorativo. Metteremo quindi a disposizione dei lavoratori borsisti le professionalità del nostro personale nominando dei tutor nell’ambito della manutenzione del verde pubblico e dei servizi cimiteriali, e forniremo gli abiti da lavoro idonei a svolgere le mansioni”.

Non configurandosi come attività lavorativa vera e propria, né come un vero e proprio tirocinio formativo, ma piuttosto come un progetto di formazione ed educazione, la borsa sociale rappresenta un percorso di emancipazione dall’assistenzialismo.

 

 

Azioni sul documento