Strumenti personali
Sezioni
Tu sei qui: Home Comunichiamo Comunicati Stampa Alessio Pascucci, il blocco del mega Centro Commerciale, è fatto.

Alessio Pascucci, il blocco del mega Centro Commerciale, è fatto.

 

Alessio Pascucci, il blocco del mega Centro Commerciale, è fatto.
Il Consiglio di Stato pubblica l’ordinanza che respinge il ricorso della società CCR: ha ragione il Comune di Cerveteri.

“Il mega centro commerciale in località BECA non si farà. Oggi concretizziamo un altro degli impegni presi in campagna elettorale con i nostri concittadini”. Con queste parole e con una nota di entusiasmo il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci ha commentato la conclusione della vicenda che da anni riguarda la realizzazione di un centro commerciale di 140mila metri cubi in località Beca, lungo la Via Aurelia.

“Sapevamo di avere ragione sin dall’inizio - ha proseguito il Sindaco - sapevamo che gli strumenti che avevamo adottato per difendere il bene pubblico e la qualità della vita a Cerveteri erano quelli giusti. La nostra città non ha mai voluto questo ecomostro. Ma ci siamo dovuti battere per anni come cittadini e come amministratori contro chi ci rassicurava e poi, celatamente, predisponeva tutte le carte affinché il progetto continuasse ad andare avanti. Come avevamo garantito, noi abbiamo agito subito, appena insediati, senza nessuna esitazione. E oggi, grazie a questo ulteriore pronunciamento del Consiglio di Stato, possiamo dire chiusa questa vicenda. Oggi è una giornata di festa per la nostra Cerveteri, perché la volontà dei cittadini è stata rispettata”.

La notizia del pronunciamento è stata data a sorpresa dal Sindaco nel corso della seduta consiliare del 19 settembre, nella stessa Aula dove il 3 aprile scorso le forze della maggioranza, a cui si era unito anche l’esponente del PD, avevano respinto il progetto di centro commerciale. A quell’atto di chiara volontà politica era seguito il ricorso al Consiglio di Stato della società CCR - Costruzioni Civili Romane Srl, persuasa che il Comune non avesse rispettato l’ordine cautelare precedentemente emesso dallo stesso Consiglio di Stato (Ordinanza 5028/2012) in merito al riesame del progetto. La società sosteneva infatti che le scelte dell’Amministrazione comunale non fossero in linea con i dettami dell’ordinanza. Il Comune si è ovviamente costituito in propria difesa e ha avuto ragione su tutta la linea.

“Il Consiglio di Stato ha sposato totalmente le tesi della nostra Amministrazione – ha spiegato il Sindaco di Cerveteri, riferendosi all’Ordinanza appena pubblicata, n. 4636 del 17 settembre 2013 – dichiarando il ricorso della CCR in parte inammissibile, e per il resto lo respinge. Nel testo dell’Ordinanza (scaricabile integralmente all’indirizzo: http://goo.gl/AFdN2P) si legge chiaramente che il Comune di Cerveteri ha correttamente provveduto al rispetto dell’ordine cautelare che gli imponeva di valutare il progetto nel quomodo, cioè nelle sue caratteristiche, rinvenendo quali motivi giustificativi per la mancata approvazione: l’aumento della volumetria e della superficie del Centro Commerciale rispetto alla proposta originaria e la non compatibilità del progetto con le sopravvenute norme del PTPR e delle linee guida della Regione Lazio”.

“Tutto questo – ha proseguito Pascucci – avvalora ciò che noi abbiamo sempre sostenuto, ovvero che non avremmo mai potuto approvare un progetto urbanistico la cui storia è costellata di irregolarità procedurali e passaggi poco chiari. Per anni abbiamo ribadito che il Consiglio comunale è l’organo sovrano e che soltanto a esso spettava il diritto di esprimersi nel merito del progetto di Centro Commerciale. Infine, dopo 15 anni che attendevamo che fosse portato all’attenzione dei Consiglieri comunali, presentato e ritirato da attori diversi, stravolto per ben 6 volte, oggetto di una enorme confusione per la mescolanza impropria di strumenti urbanistici, il progetto che ci è stato presentato era completamente differente rispetto a quello originale. E l’aula ha deciso di bocciarlo. Il pronunciamento del Consiglio di Stato è anche una chiara risposta a quei Consiglieri comunali di opposizione che, in Aula, pur dichiarandosi a parole contrari al Centro Commerciale, hanno scelto di non bocciarlo, nascondendosi dietro una presunta illegittimità del procedimento. Ed è anche una risposta ai tanti detrattori del nostro lavoro, che, sulla stampa, in questi mesi hanno messo in dubbio la correttezza delle nostre scelte”.

“Sia chiaro – ha dichiarato il Sindaco Pascucci – che la nostra Amministrazione è fatta di persone disponibili al confronto con chi vuole investire su questo territorio. Il nostro programma di governo prevede l’utilizzo di strumenti importanti come l’edilizia contrattata e il project financing, e qualsiasi area può essere oggetto di proposte e progetti, anche la stessa area della Beca. Ma quando dobbiamo ‘cedere’ metri cubi a vantaggio dell’imprenditoria, vogliamo una contropartita congrua per la nostra Comunità. E deve essere altrettanto chiaro che non accetteremo mai interventi realizzati a discapito del nostro territorio e che minacciano la nostra economia, che va invece salvaguardata”.

 

Azioni sul documento